Le passioni dei calciatori: prima le donne ora il gambling

Di , scritto il 12 Marzo 2013

gigi buffonIn qualsiasi ambiente ci si muova, si finisce per essere attratti dalle abitudini che in esso altri nostri simili hanno. E’ un aspetto della natura umana e si chiama imitazione, che venga praticata per sopravvivenza o per svago è indifferente. Per questo non deve stupire che nel mondo del calcio, a qualsiasi latitudine, la passione per i giochi di carte sia sempre stata motivo di unione fra compagni di squadra. I lunghi ritiri pre-campionato, i viaggi e la clausura delle vigilie in hotel, hanno spesso offerto l’occasione per sfide epiche. Se a questo si aggiungono l’innata competitività dei calciatori, la loro necessità di sentire scorrere l’adrenalina nelle vene e una discreta disponibilità di denaro, il gioco è fatto.

In Italia, per fare un esempio, divennero famose le interminabili partite di poker e di blackjack della Lazio scudettata di Maestrelli o della Roma di Liedholm, negli anni ’70. Leggenda vuole che i giocatori passassero notti insonni nelle stanze d’albergo, con le carte in mano e i contanti ai bordi del letto, per poi scendere serenamente in campo il pomeriggio seguente. Come dimenticare poi la foto che ritrae Bearzot, Pertini, Causio e Zoff, mentre giocano a scopa all’indomani del trionfo al Mundial 1982. Erano altri tempi: oggi tante cose sono cambiate.

Il termine gambling ha sostituito il poco rassicurante sinonimo “gioco d’azzardo” e internet ha permesso di sdoganare tutti i giochi di carte e non, con una capillarità mai vista prima. I calciatori si sono adeguati alla tecnologia, continuando ad essere grandi estimatori del poker; ma anche il blackjack online ha preso sempre più piede tra i professionisti del pallone.

Da Gianluigi Buffon a Francesco Totti, passando per Fabrizio Miccoli, tanti hanno messo da parte guanti e scarpe con i tacchetti per indossare smoking e papillon, prestando il volto al mondo delle carte online oppure alle telecamere dei network televisivi. Alcuni di loro si sono divertiti citando frasi di film legati al blackjack o a scene che lo richiamassero, come “Ventuno vittoria, grande baldoria”, battuta divenuta celebre attraverso il cult movie 21.

Viene da chiedersi cosa cambierà ancora, nel prossimo futuro. Un aspetto sembra certo: l’amore per il blackjack è destinato a crescere.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009