News Del Giorno

Di , scritto il 13 Febbraio 2018

Marek Hamsik , centrocampista e capitano del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sport1:

Puoi spiegare a un tedesco cosa vuol dire per te indossare la maglia del Napoli?

“Fin da quando sono arrivato ho capito che il calcio significa tutto per i napoletani. E’ come una religione o una malattia che ti accompagna ogni giorno”.

Come spiegheresti il calcio di mister Sarri? Cosa gli interessa principalmente?

“E’ un calcio bello da guardare, ma difficile da realizzare. Devi correre molto, spingere forte. Non è facile. Se conquistiamo la palla, allora viene fuori tutta la nostra forza che si manifesta soprattutto nel possesso palla. Ci divertiamo quando attacchiamo, ma in fase di contenimento c’è molto da recuperare. Durante la settimana giochiamo sempre a due tocchi in allenamento, vogliamo sempre muovere velocemente la palla. I nostri attaccanti, poi, quando hanno palla, possono tentare anche i dribbling”.

A proposito di Napoli, quanto è ingombrante il nome di Diego Armando Maradona? E’ più un incentivo o un onere?

“Naturalmente sappiamo tutti quello che significa Diego per questa città. Lui è il numero uno e sarà tale per sempre. Tuttavia, vogliamo rendere per così dire meno nitido il mito di Diego vincendo qualcosa. E’ passato molto tempo da quando il Napoli ha vinto qualcosa, sarebbe meraviglioso rivevere quei momenti”.

Sei l’erede legittimo di Maradona, che hai superato di recente per numero di gol: cosa significa per te?

“Non l’ho superato, ci vuole ben altro per farlo. Per noi napoletani, Diego è sempre il numero uno: non c’è nessuna somiglianza tra me e lui. Era un attaccante con tanta fantasia, io sono un calciatore ed un uomo diverso, sono soddisfatto di me stesso”.

Era uno dei tuoi idoli?

“Sfortunatamente ero troppo giovane per vedere Maradona giocare. Ho visto alcune immagini do lui in azione più in là nel tempo, ma sono cresciuto con altri idoli”.

Il Napoli non conquista lo scudetto da quasi trent’anni, ma quest’anno i segnali sono favorevoli.

“Infatti. Siamo già oltre la metà del campionato e stiamo facendo una corsa testa a testa con la Juventus, mentre gli altri club si sono allontanati. Potrebbe non ripresentarsi questa occasione in futuro, per questo che daremo tutto per riuscire a vincere. La Juve è un club di caratura mondiale con una squadra eccellente dal valore di 600 milioni di euro. Non possiamo paragonarci a loro. Ma siamo sul punto di fare qualcosa di incredibile e vogliamo batterli. Sono sicuro, stavolta tocca a noi per lo scudetto!”

La maggior parte dei calciatori del Napoli non hanno vinto quanto quelli della Juventus?

“Esatto. Ma forse questo può essere un vantaggio perché abbiamo una grande voglia di conquistare il titolo”.

Come vedi il Lipsia, vostro prossimo avversario in Europa League?

“Non conosco ancora bene questa squadra. Abbiamo ancora molti video da guardare, sia a livello difensivo che offensivo”.

Come giudichi l’Europa League?

“Non facciamo molta differenza, l’Europa League è una competizione altrettanto importante e vogliamo arrivare il più lontano possibile”.

Maurizio Sarri è una persona speciale. Cosa ci puoi dire su di lui?

“E’ un fumatore incallito, è davvero incredibile. Non ho mai visto nessuno fumare così tanto”.

Anche durante le partite?

“Grazie a Dio lì deve trattenersi”.

Quindi va a letto con una sigaretta?

“Sembra così”.

Un’altra sua caratteristica?

“Quando siamo sul campo, chiede massima concentrazione a vuole che diamo tutto. Fuori dal campo, invece, è una persona tranquilla, scherza molto ed è socievole”.

Hai da molti anni la cresta: cosa vuol dire per te?

“E’ diventato una sorta di marchio di fabbrica. Finché gioco a calcio, la porterò. Potrebbe non piacere a tutti, e alcune madri non vogliono che i figli si aggiustino i capelli così. Ma ormai fa parte di me”.

Sembra che il gruppo siamo molto coeso?

“Non ti sbagli. Abbiamo dei ragazzi incredibili e l’atmosfera nello spogliatoio è eccellente. Abbiamo sempre il sorriso sul volto. Poi quando c’è da lavorare seriamente, lo facciamo”.

Hai messo radici a Napoli: resterai qui per sempre?

“Nel calcio non si può mai escludere nulla, ma al momento non ho altri piani”.

Perché ti piace tanto Napoli?

“Dopo tanti anni ho sviluppato un rapporto molto speciale con i tifosi. Mi piace molto il modo di vivere della gente, c’è molto amore tra di noi. Napoli ha il mare, il sole, puoi mangiare bene, e volendo puoi anche andare a sciare”.

 

 

 

SSC NAPOLI – Allenamento pomeridiano per il Napoli a Castelvolturno

La squadra, ha svolto una prima fase di attivazione tecnica con l’ausilio dei paletti e ostacoli bassi.

Di seguito lavoro di rapidità e partitina a campo ridotto. Chiusura con seduta tecnico tattica.

Albiol e Hamsik hanno svolto allenamento completo col gruppo.

Domani ancora allenamento pomeridiano.

 

 

Il terzino sinistro del Napoli, Faouzi Ghoulam ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di le Buteur:

Prima di tutto, come va il morale dopo questo nuovo colpo del destino?
Siamo credenti, dobbiamo accettarlo. Andiamo avanti, ora dobbiamo avere pazienza, occuparci di guarire e soprattutto lavorare per cercare di tornare il prima possibile.

I tuoi compagni a Napoli sono solidali con te, una reazione a questo gesto di classe dei giocatori?
Questo non mi sorprende dai miei compagni di squadra. A Napoli si è formata una famiglia. Come ho detto, sono tranquillo perché ho al mio fianco straordinari compagni di squadra che mi sostengono. Mi dà la forza di tornare il prima possibile.

Faouzi, hai avuto momenti difficili con la selezione, specialmente dopo il CAN 2017, non hai detto nulla a riguardo, vuoi parlarne?
Innanzitutto, sono una persona che non parla molto con i media perché preferisco esprimermi sul campo. Questo mi ferisce a volte perché nessuno può negare che ci siano due categorie in Algeria. Ci sono quelli che ti portano e riconoscono il tuo lavoro e altri che sono lì solo per cercare di offuscare la tua immagine. Questo è un po’ il rovescio della medaglia!

Vuoi dire che le cose sono andate oltre quello che immaginavi?
Sì, ma ci sono comunque dei limiti! Non posso tollerare che si tocchino i miei genitori e la mia famiglia perché mi colpisce direttamente, e mi fa molto male. Poi quando si toccano i tuoi genitori, la persona, gratuitamente, è difficile da sopportare.

Per esempio, ho letto che avrei simulato la mia malattia e che mi ero iniettato un virus influenzale, ma come puoi tollerare queste cose? Francamente, hai una sola risposta se non la cattiveria gratuita!

È stato difficile superare tutto questo?
Quando ti ritrovi nel tuo letto e hai la febbre e il giorno dopo leggi un giornale che cerca di mettere in discussione il tuo patriottismo, sì, è molto difficile. È un momento un po’ buio dell’anno 2017. Dopo, i risultati tecnici, accettiamo ci sono momenti in cui possiamo attraversare un passaggio a vuoto come lo è stato per mesi anche se di fatto ho perso la Coppa del Mondo 2018 in Russia, cosa non facile da digerire. Solo, ciò che fa più male, è il fatto che si mettano in discussione tutti i tuoi sacrifici per l’Algeria.

Ti ha indebolito mentalmente?
Niente affatto ma mi ha colpito, ho deciso di non rispondere a caldo. A un certo punto le cose sono andate un po’ oltre sui social network, immagina che ci siano persone che desiderano che mi faccia del male. Mi ha davvero toccato, soprattutto perché il mio infortunio è accaduto poco dopo. Io sono un credente, so che è Dio che dona ed è Lui che prende ma quando ci sono persone che ti vogliono ferire, e poi questo accade, ti fai delle domande.

Molte domande anche! È per questo che ti abbiamo visto molto orgoglioso del tuo premio per il Golden Ball 2017?
Sì, devo dire che questo riconoscimento è arrivato al momento giusto, è davvero bello vedere che ci sono molti algerini che ti amano e ti apprezzano. Dopo questo periodo difficile ho ricevuto molti messaggi. Alcuni mi hanno fatto del male, altri mi hanno minacciato. Oggi ricevere il Pallone d’Oro ha riequilibrato tutto e mi ha portato grande gioia nella mia vita.

Eppure il direttore generale dell’EN, Hakim Meddane, ha detto che non ci sono affari in vista per Ghoulam… Una risposta?
Meddane è un grande manager, è venuto regolarmente alle notizie. Alcuni dimenticano che ho giocato con problemi fisici nella selezione, ma nessuno lo sapeva. Quindi Meddane conosce la mia dedizione all’Algeria. È intervenuto soprattutto per dire che era tempo di farmi riprendere con tranquillità. Qui, sa che ho sempre mostrato la mia disponibilità e che mi sono sempre impegnato a fondo anche se le mie prestazione non erano soddisfacenti.

Francamente, il supporto di Meddane mi ha toccato molto. Quando non stava andando bene per me, era sempre lì a chiedermi se il mio recupero procedesse per il meglio. Ci è molto vicino, è un ex giocatore internazionale, quindi naturalmente abbiamo una certa complementarietà, direi persino una certa familiarità tra di noi.

Parliamo del tuo club, hai lasciato la Champions League, ne sei pentito o pensi che sia un fallimento rispetto agli sforzi fatti dal club?
Sì certo, è un fallimento! Avevamo i mezzi per andare oltre. E poi un club come il Napoli non può permettersi di saltare un simile risultato, ma penso che siamo stati così concentrati sulla corsa al campionato che siamo finiti per avere meno aggressività e concentrazione in Champions League. Questa competizione non perdona. Ma adesso siamo qui, siamo concentrati sul nostro obiettivo e speriamo di vincere il campione.

A Napoli siete superstiziosi per la parola Scudetto, eviti di parlarne?
Questa è una parola che non pronunciamo qui a Napoli perché sono superstiziosi. Io sono un credente, non mi preoccupo, ma rispetto i sostenitori di questo grande club, evito di pronunciarlo nelle mie dichiarazioni.

A Napoli dicono: “Spero che lo vinceremo quest’anno”, ma non diciamo mai quella parola.

Parlaci del tuo connazionale a Napoli, Adam Ounas?
Ero un po’ dispiaciuto con lui perché non mi chiamò all’inizio prima di questa avventura ma sapevo che sarebbe arrivato a Napoli avrei voluto mi avesse chiamato un po’ prima. E’ stata una scelta eccellente per Adam.Se vince a Napoli diventerà presto uno dei migliori giocatori in Italia e in Europa. Gli abbiamo consigliato come gestire la sua carriera, tutti sanno che è un giocatore di talento. Cerco di aiutarlo come posso, con Khalidou, Mertens e cerchiamo di farlo inserire perché penso che abbia un grande futuro davanti”.

 

 

Stasera riparte la Champions della Juventus che ospita gli inglesi del Tottenham. Allegri perde nella rifinitura Lichtsteiner, e dovrebbe affidarsi a Bentancur a centrocampo e Douglas Costa in attacco. “Chi giocherà dovrà essere al meglio. Speriamo nell´aiuto dello Stadium”, confessa Allegri. “La Juventus è una squadra eccezionale: nella sua storia ha vinto di tutto”, il pensiero di Pochettino.

 

Già al lavoro da ieri alla Pinetina l´Inter, che grazie alla vittoria sull Bologna firmata dal gol di Karamoh ha riconquistato il terzo posto in classifica. “Speriamo che con questa partita abbia più spazio”, ha detto il procuratore del giocatore Damiani a Sportiva. Non buone notizie sotto il fronte mercato: la Commissione nazionale cinese per le riforme e lo sviluppo avrebbe ribadito le limitazioni per gli investimenti nei club calcistici anche per il 2018.

 

Antivigilia di Europa League per il Napoli, che si prepara ad affrontare il Lipsia. Molto turnover in vista per Sarri, che al centro dell´attacco metterà Callejon. Report medico su Chiriches: per lui distrazione muscolare di primo grado al bicipite femorale sinistro. Intanto il club valuta la possibilità di prendere un giocatore svincolato per colmare l´assenza prolungata di Ghoulam. L´idea più concreta porta all´ex Fiorentina Milic.

 

 

Milan al lavoro verso la gara con il Ludogorets. Gattuso prova a dare una nuova chance ad Andre Silva in mezzo all´attacco, nel tentativo di recuperare il portoghese per il finale di stagione. Intanto il club rossonero riscatta Kalinic, il cui futuro al Milan resta comunque legato al rendimento nei prossimi mesi.

 

Da ieri Felipe Anderson è rientrato in gruppo a Formello per allenarsi con i compagni. Finita l´esclusione punitiva da parte di Inzaghi, che prepara la gara di Europa League con la Steaua. Si avvicina l´appuntamento di Dortmund per l´Atalanta di Gasperini, che prova a recuperare Gomez e Caldara.

 

Marcel Hirscher rompe il tabù olimpico e si prende l´oro della combinata maschile allo Olimpiadi di PyeongChang. L´austriaco sbaraglia la concorrenza in slalom e chiude davanti ai francesi Pinturault e Muffat. Male gli azzurri: fuori Paris e Fill, solo quattordicesimo Innerhofer. In mattinata le altre speranze azzurre: Pellegrino nel fondo e la Fontana nello short track.

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009