Il finto terzo tempo del calcio

Di , scritto il 04 Dicembre 2007

Il finto terzo tempo del calcioOra è il calcio italiano a voler copiare il rugby. Un tempo erano i rugbysti a chiedersi come facesse il calcio a riscuotere tanto successo nel nostro paese. Oggi la Lega Calcio, in crisi di identità e popolarità, cerca di fruttare ogni dettaglio per non naufragare
raccogliendo salvagenti, ancore e soprattutto consensi.

Ed ecco l’idea, scaturita dal saluto che i giocatori della Fiorentina hanno voluto tributare agli avversari interisti: il terzo tempo come abitudine, rito, istanza che si ripete ad ogni fischio finale di tutte le partite del campionato. Sì, sì, siamo bravi e sportivi anche noi.

Ma l’idea è malata, zoppa, per due motivi:

1) un rituale è un rituale, non lo si può adottare per il proprio tornaconto. Deve essere originario, spontaneo, vero.

2) Il più famoso Terzo Tempo del Rugby va ben oltre il saluto finale: le squadre, a fine partita, si ritrovano a cena, insieme.

Dunque, evitiamo l’ipocrisia cari signori della Lega: al calcio serve serietà, non comportamenti faziosi e di facciata.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009