Ronaldo, dieci anni di misteri

Di , scritto il 06 Settembre 2007

RonaldoQuando giocò (si fa per dire) la finale di Francia 98 Ronaldo aveva 22 anni. Ne sono passati quasi dieci di anni, da allora, e Ronaldo non ha raccolto l’eredità di Pelè, e nemmeno quella di Romario.

Le annate buone alternate a quelle disastrose – per cause molteplici, infortuni inclusi – hanno ridimensionato il calciatore e l’uomo, e ora alle soglie dei 31 anni Ronaldo si ritrova nel Milan, dopo una preparazione zoppicante e senza un ruolo da protagonista. Quello manca da tempo, dalla grande annata nerazzurra, quando Iuliano placcò letteralmente sul nascere ogni velleità tricolore della banda Simoni.

Oggi Ronaldo è un giocatore come tanti: non è più determinante, non è più la stella, non è più Il Fenomeno. Lo è stato a tratti, ma in questi ultimi anni che lo attendono prima del canto del cigno difficilmente potrà riconquistare quel soprannome.

Ciò che accadde prima e dopo la finale mondiale del 98 resta un mistero, e tali le cause che hanno tarpato le ali ad un talento naturale: solo destino?



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009