La Lazio supera il Cagliari e sogna in grande

Di , scritto il 23 Ottobre 2017

Ennesima prestazione magistrale da parte della Lazio che supera, nel posticipo serale della nona giornata di serie A, il Cagliari con un rotondo ed ineccepibile 3-0. A seguito di questa vittoria gli uomini di Simone Inzaghi inanellano il quarto trionfo consecutivo, il terzo tra le mura amiche in questa stagione, che issa i biancocelesti al quarto posto a quota ventidue a meno uno dall’Inter seconda e a soli tre lunghezze dal Napoli capolista. Inoltre con la doppietta siglata contro i sardi, Ciro Immobile consolida la sua leadership nella speciale classifica cannonieri, portandosi a quota tredici. Il Cagliari, invece, con Diego Lopez al debutto stagionale sulla panchina rossoblù, incappa nella quinta sconfitta di fila, la quarta lontana dalla “Sardegna Arena”. I sardi restano inchiodati con sei punti all’attivo, in piena lotta per non retrocedere. Il tecnico uruguaiano presenta subito delle novità tattiche affidandosi al 3-5-2 con in avanti l’inedito tandem composto da Sau e Farias ma a fare la partita sono i padroni di casa che passano in vantaggio al 7’ minuto quando l’arbitro Pairetto concede un penalty a favore dei biancocelesti a seguito di un contatto falloso in area di Crosta ai danni di Immobile involatosi in porta. Dal dischetto si presenta proprio il numero diciassette della Lazio che non sbaglia. I rossoblù non si arrendono e qualche minuto più tardi riescono ad acciuffare il pareggio ma il direttore di gara, attraverso l’ausilio del VAR, annulla la rete per posizione di offside di Farias. I biancocelesti non demordono e al 41’ trovano la strada del raddoppio: da uno spiovente in area, Marusic posizionatosi sulla destra effettua una sponda per Immobile, il quale colpisce la palla di testa, non lasciando scampo a Crosta. Per l’attaccante natio di Torre Annunziata è il tredicesimo centro in campionato che lo issa a ruolo di leader nella classifica marcatori. Nella ripresa cala definitivamente il sipario sul match al 49’ quando dagli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Luis Alberto, Bastos irrompe in area e con una zampata scaraventa la sfera al di là della linea di porta. Per il difensore angolano è il secondo goal in questo torneo. Lopez al 58’ inserisce sul rettangolo di gioco Pavoletti al posto di Sau e qualche istante più tardi da un tiro effettuato dalla distanza di Farias che si stampa sulla traversa, la punta ex Genoa e Napoli si fa trovare pronto per il tap-in vincente, ma il signor Pairetto ferma il gioco per posizione irregolare del numero trenta dei rossoblù. Il resto della gara non regalerà particolari emozioni, con i biancocelesti che controlleranno il match senza particolari patemi, conservando le energie in vista dei prossimi importanti impegni, mentre il Cagliari proverà qualche folata offensiva per addolcire il ko senza però riuscire in tale impresa. Al fischio finale, queste le dichiarazioni rilasciate da un Simone Inzaghi visibilmente soddisfatto per l’andamento della sua squadra, protagonista di un avvio di stagione sfavillante, al di là di ogni più rosea previsione estiva: “Siamo partiti benissimo, abbiamo avuto una grande iniezione di fiducia. Questa settimana è stata perfetta, abbiamo avuto tre partite difficili. Ora però dobbiamo recuperare le energie e stare attenti alla prossima partita: il Bologna, in casa, ha messo in difficoltà sia Napoli che Inter. Immobile? Con questi goal mi ricorda mio fratello Pippo. Avrei voluto risparmiarlo ma c’era la speranza che potesse fare il terzo goal. Se lo meritava per come lavorava in settimana, è stato in panchina tre volte in Europa League e non si è mai lamentato. Se sono più bravo io o Pippo? Dico lui, con il Venezia è primo in classifica in serie B. E guida una neopromossa”. Queste, invece, le dichiarazioni rilasciate dal neo tecnico dei sardi, Diego Lopez, subentrato in settimana a Massimo Rastelli: “Sappiamo che la Lazio è forte e in salute ma penso che nei primi minuti ci hanno intimoriti, poi però la partita l’abbiamo fatta. Siamo arrivati tante volte in porta e l’ho detto ai ragazzi: avevamo fatto due goal che sono stati convalidati. La squadra può migliorare. La prestazione è stata fatta e ora mercoledì abbiamo una partita importante. Per me il risultato è esagerato. Il goal annullato a Farias non è andato a favore nostro e forse avrebbe cambiato il morale dei ragazzi. Però dobbiamo tenere la testa alta: per tanti minuti la squadra ha giocato bene. Gli episodi ci sono e bisogna accettarli”.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009