Coppa Italia: Orgoglio Napoli, 3-2 alla Juve, ma in finale vanno i bianconeri

Di , scritto il 05 Aprile 2017

Il Napoli, è stato eliminato dalla finale di Coppa Italia, pur avendo battuto la Juventus (cosa abbastanza difficile) col risultato di  3-2 nella gara di ritorno, relativa alla semifinale della Tim Cup. Vittoria che assune una connotazione importante, nonostante l’eliminazione, anche perchè i bianconeri, si erano portati per bene due volte in vantaggio con Higuain (doppietta-vendicativa alla sua ex-squadra), ma ugualmente gli azzurri sono riusciti a rimontare e a vincere. Una vittoria, che comunque non dà la finale ai parteopei, bensì ai bianconeri, che affronteranno allo stadio “Olimpico” di Roma, la Lazio di Inzaghi. E qualsiasi sia il risultato finale, Juve-Lazio s’incontreranno anche in Supercoppa di lega. Dato che al 99% la Juventus vincerà anche lo scudetto.

Il Napoli, ha vinto, comunque, la sua partita, grazie alle reti di Hamsik (al 112 goal con la maglia azzurra), di Mertens che approfittando di un errore grossolano del secondo portiere juventino Neto, realizzava il 2-2, e di Insigne, che siglava il 3-2, dopo bella azione corale dei campani.

Globalmente il Napoli di Sarri, ha giocato meglio della Juventus, come è già successo anche in campionato tre giorni fa. Ma il 3-1 dello Stadium della gara d’andata, con i due rigori concessi alla Vecchia Signora (rigori che definire dubbi è un eufemismo), hanno consegnato sul piatto d’argento la finale ai torinesi.

Di un Higuain, abbastanza core ingrato e polemico anche nelle esultanze e nel pre-partita. Ormai il giocatore argentino è uscito completamente dal cuore di tutti i tifosi napoletani. E sicuramente nella Juventus sta avendo il successo dei gobbi (sono infatti denominati ironicamente, cosi tutti quelli che giocano o che tifano per i colori bianconeri). Sicuramente qualcosa vincerà il buon Gonzalo, ma sarà sempre una vittoria ovattata.

Sul Napoli, possiamo dire che in 5 anni ha avuto l’onore di avere in squadra giocatori del calibro di Lavezzi, Cavani ed Higuain e averli venduti tutti e tre, non è da società che vuole vincere ed imporsi. Ma è da società che vuole fare business. Fatto anche normale. Ma al business si devono unire le vittorie sportive. Sennò diviene mero commercio.

 

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009