Nedved incavolato con la Juve: ha ragione

Di , scritto il 08 Luglio 2007

nedvedUna volta guadagnava 5,5 milioni di euro netti l’anno, poi è arrivata la serie B, l’ha accettata di buon grado per tornare in A e prendersi belle rivincite: parlo di Nedved, guerriero indomito della Juve. Un comportamento esemplare, anche perché – nonostante l’età – il ceco avrebbe trovato altri datori di lavoro.

Passa un anno, Nedved dà un contributo determinante alla risalita della Juve in A e che combina la società? Cede al ricatto di Trezeguet, che invia alla dirigenza un messaggio in mondovisione: segno tanto e tu mi paghi poco; voglio l’aumento. Al che, Nedved va su tutte le furie.

Il ceco ha ragione. 1) La Juve doveva punire l’atteggiamento di Trezeguet: se cede una volta, rischia di farsi ricattare altre 1.000 volte. 2) Di fronte a un eventuale ritocco (non raddoppio!) dell’ingaggio del franco-argentino, doveva alzare gli stipendi degli altri big, Nedved per primo.

foto juve



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009