La prima vittoria? Non fischiare la Marsigliese

Di , scritto il 07 Settembre 2007

mars

Adoro il tifo caldissimo, talvolta anche un po’ sopra le righe, purché sia sempre a favore della propria squadra. Non amo invece il cosiddetto “tifo contro”: dagli insulti pesanti ai cori osceni. Per questo, spero che San Siro – durante Italia-Francia – sia un catino ribollente; ma il mio augurio è che la Marsigliese non venga fischiata dagli italiani.

Il silenzio durante l’inno francese, un continuo abbraccio appassionato agli azzurri: ecco come dobbiamo rispondere alle costanti (nauseanti) provocazioni del mister transalpino e di qualche altro cugino europeo.

La vittoria va costruita anche cantando insieme l’inno di Mameli; poi ci vogliono boati da far tremare le vene quando l’Italia sfiora i gol o durante le nostre azioni. Però nel massimo rispetto dell’avversario e del suo inno.


1 commento su “La prima vittoria? Non fischiare la Marsigliese”
  1. Massimiliano ha detto:

    detto, fatto…l’inciviltà italiana regna sovrana.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009