Champions League: Juventus sconfitta in casa. Roma vittoria in trasferta. Mourinho da censura? Analisi e commenti.

Di , scritto il 08 Novembre 2018

Il Manchester United batte la Juventus a Torino 2-1 in rimonta, con le reti di Mata e l’autorete di Alex Sandro, ribaltando un match che sembrava segnato dopo la perla di Ronaldo, ma è soprattutto la reazione finale di José Mourinho, che si è portato la mano all’orecchio, nei confronti dei tifosi della Juventus, a far discutere i media britannici e non solo. Duro il commento del Sun: “No class”, con la foto del gesto di José Mourinho, paragonandolo al comportamento del City di Guardiola, e di Sterling in particolare, in occasione del rigore regalato contro lo Shakhtar Donetsk.

Ma c’è chi lo esalta: “United pass Turin test”, titola il Daily Exspress riconoscendo negli uomini di Allegri uno dei principali ostacoli europei. Mentre il Mirror sottolinea la rimonta d’orgoglio dello United: “Turin proud”, si legge nella parte centrale della pagina con la foto di Mourinho che esulta. Speciale One in prima pagina anche sul Daily Telegraph: “It’s Mourinho time”, mentre sul Times si legge: “The special comeback”, con l’immagine del gesto dell’allenatore portoghese rivolto ai tifosi della Juventus subito dopo il fischio finale. Tecnico dello United che comunque a fine partita ai microfoni di Sky ha detto: “Mi hanno insultato per 90′, ho solo fatto il gesto di voler sentire un po’ di più. A freddo non lo rifarei”.

 

Beffa per la Juve in Champions League: la squadra di Allegri passa in soli cinque minuti dalla qualificazione come prima del girone con due turni di anticipo a qualificazione apertissima.
Allo Stadium i bianconeri dominano per 85 minuti, mancano molte occasioni e poi passano in vantaggio con un gran gol di Cristiano Ronaldo, il primo in Champions con la Juve. Quindi la reazione degli inglesi di Mourinho che in cinque minuti pareggiano con una splendida punizione di Mata all’86’ e segnano il gol del 2-1 con uno sfortunato autogol di Alex Sandro su intervento un po’ goffo di Szczesny. Ora in classifica la Juve e’ prima con 9 punti con due punti di vantaggio sul Manchester United mentre il Valencia segue a 5 punti.

 

La Roma vince a Mosca 2-1 contro il Cska e ipoteca la qualificazione agli ottavi di Champions. Nella gara valida per la quarta giornata del girone G, giallorossi avanti dopo 4 minuti con Manolas, pareggio russo al 51′ di Sigurdsson, quindi il 2-1 firmato da Lorenzo Pellegrini al 59′.

Successo importantissimo quello raccolto dalla Roma che, in attesa del risultato che maturerà tra Viktoria Plzen e Real Madrid, raccoglie tre punti preziosissimi in vista della qualificazione.

Buona la prova della squadra di Di Francesco che, seppur con qualche rischio, ha portato a casa una vittoria meritata.

Nove punti per la Roma dopo quattro partite della fase a gironi di questa Champions League, record per i giallorossi nella competizione.

 

Real Madrid e Manchester City a valanga, il Bayer Monaco vince in casa. Nel Girone F i Citizens travolgono per 6-0 lo Shakhtar Donetsk grazie alle reti di Silva al 13′, Gabriel Jesus su rigore al 24′, poi Sterling al 49′, ancora Gabriel Jesus al 72′ e Mahrez all’84’. Nello stesso girone pareggio per 2-2 fra Lione ed Hoffenheim: francesi avanti 2-0 nel primo tempo con le reti di Fekir al 19′ e Ndombele al 28′, la rimonta dei tedeschi nonostante l’inferiorità, numerica per l’espulsione di Kasim, porta la firma di Kramaric al 65′ e Kaderabek al 92′. In classiifca, City al comando con 9 punti davanti al Lione con 6 e l’Hoffenheim con 3.

Nel girone della Roma, il Real Madrid si impone per 5-0 in casa del Viktoria Plzen. Prosegue il buon momento dei Blancos sotto la guida di Santiago Solari. Partita chiusa già nel primo tempo con le reti di Benzema al 21′, Casemiro al 23′, ancora Benzema al 37′ e Bale al 40′. Nella ripresa Kroos firma il poverissimo al 67′. In classifica Roma e Real sono al comando del girone con 9 punti, segue il CSKA con 4.

Nel Gruppo E, infine, una doppietta del solito Lewandowski (al 31′ su rigore e al 71′) consente al Bayern Monaco di piegare all’Allianz Arena l’AEK Atene. Termina 1-1 la sfida fra Benfica e Ajax: al gol di Jonas per i portoghesi al 29′, replica Tadic al 61′. In classifica, Bayern al comando con 10 punti e con un piede e mezzo agli ottavi. Segue l’Ajax con 8 e il Benfica con 4.

Il Milan vola senza Gonzalo Higuain a Siviglia, dove domani affronterà in Europa League il Betis, a pochi giorni dal big match di domenica contro la Juventus.

L’argentino è ancora alle prese con il problema all’anca avvertito nella partita con l’Udinese, ma a Milanello contano di recuperarlo in tempo per il match contro la sua ex squadra. Intanto Rino Gattuso in Spagna dovrà fare a meno anche di Giacomo Bonaventura e Davide Calabria, mentre ha recuperato Hakan Calhanoglu.

 

A Radio Marte nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pierluigi Pardo, giornalista: “Il Napoli ha dimostrato di avere personalità e se è lì non è un caso. Fa piacere vedere una italiana che se la gioca alla pari col Psg e lo scenario, visto anche ciò che è successo a Belgrado, è molto promettente. Non bisogna esagerare con i complimenti, ma fa piacere vedere l’atteggiamento del Napoli, da grandissima squadra. Il Napoli non mi sorprende, ma può fare anche meglio perchè ci sono dei margini di miglioramento. Il turnover è la norma per Ancelotti che sta facendo crescere la rosa. Mi aspetto che il tecnico ruoti la rosa anche a Genova perchè le energie vanno gestite. Il Genoa è una squadra imprevedibile perchè ha fatto grandi cose, ma anche meno belle”.

Marco Bucciantini, giornalista: “Nel mondo di oggi c’è sempre un pazzo disposto a spendere cifre folli e per questo è meglio non dare una valutazioni a calciatori come Koulibaly e Allan. Ancelotti ha, se possibile, ha migliorato ancora di più entrambi e Allan e Koulibaly visti ieri, sono certamente i migliori al mondo nel loro ruolo. Il Psg ha sempre avuto l’assillo della Champions perchè in campionato è difficile non avere la meglio, ma ciò che manca alla squadra francese è l’identità che non la fanno i soldi. Tuchel è un grandissimo allenatore, ma non capisco perchè da anni, il Psg non riesce ad essere squadra”.

Fulvio Giuliani, giornalista: “Sono soddisfatto del Napoli e un po’ di timidezza ieri ci stava e dobbiamo anche considerare che il Psg era diverso rispetto alla gara di andata. Alla play station una partita del genere non puoi giocarla e ci sta concedere qualcosa ad una squadra come il Psg. Koulibaly e Allan sono fortissimi e in questo momento faccio fatica a trovare un difensore più forte del senegalese. Resistere da anni alle offerte per Koulibaly è un merito clamoroso del Napoli e va sottolineato perchè stiamo sempre a puntare il dito contro i mancati acquisti, ma tenere calciatori del genere è un merito”.

Mario Donatelli, direttore sportivo del Genoa: “Non ci sono acque agitate a Genova e neppure ultimatum. Veniamo da partite difficili e ci può stare anche perdere con l’Inter che è una delle squadre più in forma della serie A. Oltretutto, la classifica del Genoa non ci fa credere che possa cambiare qualcosa. Il Genoa si sta concentrando sulla partita contro il Napoli e la concentrazione dovrà essere ai massimi livelli perchè tra campionato e Champions, gli azzurri giocano sempre al top. E’ una partita estremamente difficile per noi. Piatek sta bene, non sta segnando, ma è anche normale perchè mantenere quel passo era quasi impensabile. Ha dimostrato che sa fare gol, ha confidenza con la porta e speriamo che torni a segnare proprio contro il Napoli. Il Genoa ha trascorso qualche giorno di riflessione perchè ci sta quando prendi 5 gol, ma proveremo a fare di tutto affinchè non si ripeta. Non ci sono polemiche in casa Genoa, vogliamo continuare il nostro percorso con serenità”.

 

La sconfitta rocambolesca della Juventus contro il Manchester United non compromette il cammino europeo dei bianconeri che possono tranquillamente ottenere il pass per gli ottavi di finale. Ma i due gol nel finale della squadra di Mourinho fanno crollare l’imbattibilità bianconera nella Champions League che adesso per le squadre italiane è mantenuta solo dal Napoli. Inter e Roma infatti sono state sconfitte dal Barcellona e dal Real Madrid. La squadra azzurra ha twittato per celebrare questo risultato ottenuto dopo quattro turni della fase a girone. “Siamo l’unica squadra italiana imbattuta in @ChampionsLeague . Viva il Napoli e #ForzaNapoliSempre”

 



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009