Russia 2018: Pareggio pirotecnico fra Portogallo-Spagna (3-3)

Di , scritto il 15 Giugno 2018

Portogallo-Spagna è stata la gara più bella di questi primi due giorni del mondiale russo. Merito soprattutto di Cristiano Ronaldo autore, nella gara odierna di tre reti. E di un calcio di punizione magistrale di rara bellezza. Una rete quest’ultima che tiene in equilibrio la sfida fra spagnoli e portoghesi, dando il momentaneo primo posto del girone, clamorosamente, oseremo dire, all’Iran.

La partita ha visto tante emozioni e tanti gol, ben sei sommando il pareggio. Il primo tempo era terminato con il Portogallo in vantaggio per 2-1: Cristiano Ronaldo apre le danze con un gol dal dischetto al 4′. Poi Diego Costa si porta dietro due difensori (di cui uno lo lascia a terra) e al 24′ pareggia. Cristiano Ronaldo replica e al 44′ arriva il secondo gol.

Nel seocndo tempo la Spagna è scatenata, in tre minuti ribalta il risultato: al 55′ ancora Diego Costa e al 58′ ci pensa Nacho. Però l’orgoglio del Portogallo emerge e Cristiano Ronaldo all’88’ trova il gol del pareggio e la tripletta.

La gara è terminata 3-3.

A dirigere la gara c’era Rocchi e non sono mancate le polemiche per il dubbio penalty concesso a Cristiano Ronaldo nel primo tempo e per aver convalidato il pareggio della Spagna nonostante un’evidente gomitata di Costa a Pepe.

Cristiano Ronaldo è attualemente il più forte giocatore del mondo, dietro solo a Maradona e Pelè nella classifica di tutti i tempi. Se dovesse vincere il mondiale sarebbe per lui un apoteosi leggendaria.

Strano che in pochi abbiano pronosticato un Portogallo campione. Ricordiamo che è la nazionale campione d’Europa in carica, ed ha fra le sue fila, quel grande fenomeno che è Cristiano Ronaldo.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009