Milan batte Frosinone

Di , scritto il 19 Maggio 2019
.

Soffre, rischia grosso ma alla fine conquista tre punti importantissimi. Missione compiuta per il Milan di Gennaro Gattuso, che batte 2-0 il Frosinone a San Siro e mette pressione all’Atalanta, che tra poco scenderà in campo all’Allianz Stadium contro la Juventus. Decisivi Piatek, Suso e soprattutto Donnarumma, che para un rigore a Ciano sul punteggio di 0-0.

Rossoneri bloccati – Ritmi bassi, poche idee e zero occasioni vere costruite. Il primo tempo è quasi un monologo rossonero, ma la squadra di Gattuso non riesce a velocizzare la manovra e a rendersi pericoloso. Dopo un paio di conclusioni di Borini, la palla gol più grande capita tra i piedi di Bakayoko, che conclude da fuori area sfiorando il palo destro. All’intervallo, però, il punteggio è fermo sullo 0-0: Romagnoli e compagni rientrano negli spogliatoi tra i fischi del pubblico.

Dall’Inferno al Paradiso in sette minuti – Il Milan rientra in campo più determinato e va vicininissimo al vantaggio con Borini: l’esterno italiano si ritrova la palla tra i piedi dopo un rimpallo, ma spara alto da posizione favorevolissima. Il Frosinone, però, continua a fare la sua partita e al 50′ ha la chance per sbloccare la sfida: Paganini ruba alla ad Abate, che lo stende in area. Dal dischetto si presenta Ciano, Donnarumma si supera e fa esplodere San Siro. Come da tradizione, a gol mancato segue gol subito: lo stadio impazzisce sette minuti più tardi, quando Piatek batte di rapina Bardi, firmando il suo trentesimo centro stagionale.

Capolavoro di Suso, poi la commozione – Il vantaggio ha l’effetto di liberare i rossoneri dalla pressione e dalla tensione accumulate negli ultimi giorni. Pochi minuti più tardi Calhanoglu guadagna un calcio di punizione dal limite; sul punto di battuta si presenta Suso, che disegna una traiettoria perfetta e non lascia scampo a Bardi. L’uno-due micidiale spegne le velleità degli ospiti, che fanno da sparring-partner alla festa rossonera e alla passerella per Ignazio Abate. Gattuso concede la standing ovation e l’abbraccio dei compagni al terzino, applaudito da tutto lo stadio e sostituito da Conti. È l’ultima emozione della partita; adesso al Milan non resta che tifare Juventus. L’Europa League è assicurata, ma il sogno si chiama Champions (tuttonapoli.net)


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009