Napoli: si punta ad Ilicic, Veretout e Theo Hernandez! Juventus: Allegri al passo d’addio.

Di , scritto il 20 Maggio 2019

Il Napoli sembra intenzionato a puntare forte su Ilicic dell’Atalanta. Dopo aver raggiunto un’intesa di massima con il giocatore (triennale da 2,2 milioni a stagione), molto dipenderà dalla qualificazione in Champions dell’Atalanta. Sì, perché al momento il club non sembra disponibile ad aprire alla cessione. L’offerta iniziale degli azzurri sarà di circa 12 milioni con la possibilità anche di inserire Inglese come contropartita tecnica. In tutto ciò, il contratto di Ilicic è scadenza nel 2020 e a questo punto l’Atalanta potrebbe rilanciare offrendogli un rinnovo a condizioni alte (lui prende 1.5). (ilmattino.it)

Allegri: «La Juve continuerà a vincere è nel suo Dna. Lascio una squadra vincente e sono felice di questi anni che ho passato e anche oggi ho la possibilità di ringraziare tutti». Max saluta la Juventus nel corso della cerimonia a Firenze della Hall of fame della Figc, in cui l’allenatore toscano è stato premiato. Un consiglio a chi verrà dopo di me? «Consigli no, non riesco a darli ma chi verrà al mio posto avrà una società forte alle spalle». «Sono felice di aver passato cinque anni straordinari, anche oggi ringrazio tutti, dal presidente fino magazziniere che sono stati importanti per me soprattutto per i successi. Solo chi ha valori, oltre a quelli tecnici, può arrivare a certi risultati», ha proseguito Allegri. «Credo che per raggiungere traguardi importanti nel calcio come nella vita serva coraggio, spensieratezza e non bisogna mai abbandonare l’incoscienza. Quando si è grandi si diventa più saggi e si abbandona un pò l’incoscienza mentre quest’ultima è l’irrazionalità giusta che ti serve per avere il giusto coraggio». #Graziemax». È il telegrafico tweet con il quale il presidente della Juventus Andrea Agnelli ringrazia Massimiliano Allegri. Una foto in bianco e nero li ritrae entrambi sorridenti, con la coppa dello scudetto in mano. I tweet di Agnelli sono rarissimi: l’ultimo in tema di calcio è datato 20 settembre, «Unus pro omnibus, omnes pro uno» (Uno per tutti, tutti per no) e riporta l’immagine di Ronaldo rialzato dai compagni dopo l’espulsione a Siviglia, nella prima partita stagionale di Champions. «Quando vivi momenti di difficoltà devi individuare valori che ti comunicano un orizzonte diverso. Noi abbiamo deciso di puntare di legare ad ogni premiato di oggi, un ragazzo di un nostro centro tecnico federale territoriale. Dobbiamo mostrare ai nostri ragazzi il fatto di sapere domare le paure e le fatiche, per vincere i momenti di difficoltà». Lo ha detto il presidente della Figc Gabriele Gravina nel corso della Hall of Fame della Figc in corso a Palazzo Vecchio a Firenze. «Chi entra nella Hall of Fame rappresenta tantissimi elementi che rappresentano un patrimonio del mondo del calcio, patrimonio che noi abbiamo il dovere di custodire – ha aggiunto Gravina – Un patrimonio che rappresenta un insieme e che dobbiamo tramandare ai nostri giovani». (ilmattino.it)

Mertens ha deciso: firma il rinnovo con il Napoli. Era questione di dettagli, perché la stima del presidente Aurelio De Laurentiis per il belga è totale. E non è stato neppure il caso di parlare di trattativa, non era necessaria. Ciro il belga non ha nascosto la sua voglia di Napoli neppure durante la festa a Villa D’Angelo-Santa Caterina. «Io amo questa città», ha ripetuto spiegando che non ha alcuna intenzione di andarsene. Almeno questa estate. Ora Dries è legato sino al 2020 al Napoli ed è facile dedurre che l’idea di un prolungamento sino al 2021 o al 2022 è nella logica dei progetti societari. E anche nei suoi. Da parte sua l’esterno non ha dubbi: crede di poter dare ancora una grande mano al Napoli. Ed è per questo che ha deciso di restare qui.Con Callejon i giochi sono fatti: resterà e firmerà il prolungamento, esattamente come annunciato da Giuntoli a Quilon lo scorso autunno. Il nuovo corso in attacco dipende anche dalle uscite di scena: se resta Mertens, è evidente che a partire sarà Simone Verdi e che non rientrerà alla base Inglese (che però il Parma non pensa di tenere). A breve ci sarà anche l’annuncio del rinnovo di Zielinski fino al 2023. Lui è in scadenza nel giugno 2021 ma i suoi agenti hanno bussato alla porta anche per un ritocco dell’ingaggio. Nel limbo c’è anche Milik ma neanche per lui si prevedono turbolenze. Sul piatto c’è un’offerta anche per lui fino al 2023; vanno solo modellati i contorni economici. Rinnovo in vista anche per Maksimovic: il Napoli gli ha fatto sapere che il nuovo contratto si può fare in qualsiasi momento. Lui s’aspetta un triennale, magari con un ritocco consistente. Ma a queste condizioni accordo distante. (ilmattino)

Dries Mertens potrebbe allungare il suo contratto con il Napoli. Il belga, autore di una seconda parte di stagione molto positiva, sarebbe pronto a firmare il suo rinnovo contrattuale, con l’attuale accordo in scadenza nel giugno 2020. Il belga ha deciso di siglare il suo accordo col club dopo aver ribadito più volte di amare questa città e questa maglia. La novità riguarda la durata del nuovo accordo che potrebbe essere prolungato di due anni. Ora Dries è legato sino al 2020 al Napoli ed è facile dedurre che l’idea di un prolungamento sino al 2021 o al 2022 è nella logica dei progetti societari. E anche nei suoi. Da parte sua l’esterno non ha dubbi: crede di poter dare ancora una grande mano al Napoli. Ed è per questo che ha deciso di restare qui. (telecaprisport)

Dopo l’affare Veretout ormai in dirittura di arrivo, il Napoli starebbe per chiudere un’altra operazione in entrata. Secondo quanto raccolto in esclusiva da EuropaCalcio.it, Ilicic al Napoli potrebbe non essere solo una suggestione di mercato. Infatti, i contatti tra il Napoli e l’Atalanta sembrano essersi intensificati nelle ultime ore, con il club partenopeo che sarebbe pronto a presentare un’offerta ufficiale. Il trequartista sloveno sarebbe stato richiesto espressamente dal tecnico Carlo Ancelotti per rinforzare il proprio centrocampo. Autore di ben 11 reti in 29 presenze in campionato – contornate da 7 assist – Josip Ilicic è stato autore di un’annata molto importante sia per l’Atalanta – in corsa Champions – che individualmente, tanto da attirare l’attenzione dell’allenatore partenopeo, incantato dalla sua prestazione al San Paolo. Secondo Transfermarkt, il valore del cartellino di Ilicic si aggirerebbe intorno ai 12 milioni di euro. L’ingaggio dello sloveno è di 1,2 milioni di euro e scade nel 2020. Al fronte di offerte importanti, però, il fantasista dell’Atalanta potrebbe decidere di andare via. Ormai non più giovanissimo (classe ’88), la destinazione Napoli potrebbe rappresentare per Ilicic l’ultimo contratto importante della sua carriera. (telecaprisport)

Il Napoli travolge l’Inter 4-1 e domina in lungo e in largo con estrema scioltezza. L’inter invece perde il terzo posto, ma soprattutto si vede costretta a battere l’Empoli nell’ultima di campionato per avere la certezza di qualificarsi alla prossima Champions.A Fuorigrotta non c’è storia. La squadra di Spalletti dura appena un quarto d’ora, poi cade sotto i colpi di un Napoli che si esprime in scioltezza e alla fine ottiene una sacrosanta affermazione, seppure fin troppo larga, considerando il salvataggio sulla linea di Koulibaly e la traversa colpita da MartinezIl Napoli saluta il san Paolo con i gol di Zielinsky Mertens e la doppietta di Fabian Ruiz e da appuntamento ai tifosi al prossimo anno. A fine gara questo. Una bella vittoria per concludere il primo anno sulla panchina del San Paolo: il 4-1 del Napoli sull’Inter è il commiato di Carlo Ancelotti dal pubblico partenopeo per questa stagione, che ha visto gli azzurri centrare il secondo posto alle spalle della Juventus. “L’esonero fa parte del lavoro di un allenatore – ha dichiarato il tecnico in merito al valzer di panchine – ma non vi preoccupate per me: io sono legato al Napoli ancora per due anni. Ho una clausola al 30 maggio, speriamo che il Napoli la eserciti. Sono legato al club e vorrei restare per altri due anni. Sono felice di essere qui”.Una stagione conclusa bene: “Non è la partita di oggi a dirci che abbiamo tante qualità in mezzo al campo: abbiamo fatto un campionato di altissimo livello nella prima parte, di meno nella seconda ma l’abbiamo chiusa bene. Non è facile preparare queste partite quando non ti giochi più nulla, grande professionalità da parte dei ragazzi: questa squadra mi dà grandi segnali, anche se il distacco enorme ci ha fatto calare la concentrazione e gli episodi relativi ad Albiol ed Allan hanno un po’ peggiorato la situazione”. (telecaprisport)

Allegri ha pianto, era molto emozionato ed è normale: sono stati tre giorni belli ma anche strani”. Wojciech Szczesny racconta così il weekend dell’addio al tecnico degli ultimi cinque scudetti della Juventus. “Sarà molto strano vederlo andare via – spiega il portiere polacco, alla prima stagione da titolare in bianconero -. Gli vogliamo bene e gli facciamo un grande in bocca al lupo, ovunque andrà”. Quella pareggiata contro l’Atalanta è stata l’ultima partita della stagione per Szczesny che tra una settimana, nella trasferta di Marassi contro la Sampdoria, lascerà spazio a Pinsoglio. “Un bravo ragazzo oltre che il portiere più forte di tutti noi, vi giuro. Sono contento di farlo giocare quest’ultima partita”, sostiene Szczesny, che ha parole di elogio per Aaron Ramsey, suo compagno all’Arsenal e pronto ad indossare nella prossima stagione la maglia della Juventus. “L’ho portato anche a cena l’altro giorno – rivela -. E’ un giocatore molto forte, che sicuramente ci darà una grande mano’ (telecaprisport)

LA FIGC al termine del Consiglio Federale odierno ha deciso le date relative alle prossime due finestre di calciomercato. “Il presidente federale – si legge – ha annunciato che le date delle prossime due sessioni di calciomercato andranno dall’1 luglio al 2 settembre per quella estiva e dal 2 al 31 gennaio per quella invernale” (telecaprisport)

Dopo le indiscrezioni e le voci, arriva una prima conferma sull’interesse del Napoli per Theo Hernandez. “Sì, è vero che il Napoli mi ha contattato per Theo Hernandez. La trattativa è viva”, ha spiegato a Radio Kiss Kiss Napoli l’agente dell’esterno del Real Madrid in prestito alla Real Sociedad. Il profilo del giocatore, del resto, è di quelli che piacciono ad AdL, Giuntoli e Ancelotti: giovane, duttile e talentuoso. Il Napoli, dunque, fa sul serio per Theo Hernandez. E le parole di Manuel Garcia Quilon non lasciano spazio a dubbi sulle intenzioni degli azzurri. Per la prossima stagione Ancelotti del resto sta progettando un restyling per le corsie esterne e l’acquisto del francese sarebbe la prima mossa. Una mossa importante per la fascia sinistra, ma non solo. Vista anche la duttilità del calciatore, infatti, Theo Hernandez all’occorrenza potrebbe giocare anche centrale di difesa. Un jolly prezioso, per cui Giuntoli sta cercando di chiudere in tempi brevi.

(mediaset)


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009