Sampdoria in difficoltà e invischiata in piena bagarre per non retrocedere

Di , scritto il 26 Gennaio 2016

Sampdoriadi Lorenzo Cristallo
Situazione alquanto delicata in casa blucerchiata. La Sampdoria reduce dalla terza sconfitta consecutiva, piomba drammaticamente in zona calda della classifica, in piena lotta per non retrocedere. La squadra di Montella, attualmente occupa il diciassettesimo posto, a quota ventitrè punti, a soli cinque lunghezze dal Carpi terzultimo. I doriani occupano questa posizione traballante a braccetto con i “cugini” del Genoa. Il cambio di panchina avvenuto, con l’avvicendamento tra Zenga e l’”aeroplanino”, non ha portato la scossa sperata dai vertici sampdoriani. I blucerchiati con l’ “uomo ragno” , occupavano il decimo posto in classifica, una posizione che lasciava presagire ambizioni europee. Con l’avvento di Montella, i risultati non sono stati affatto soddisfacenti. La Doria è scesa gradualmente giù a picco, fino a raggiungere un piazzamento che non lascia scampo ad altre velleità, se non quella di ottenere i punti necessari per la permanenza in massima serie. La Samp non vince in campionato dallo scorso 5 gennaio, quando si impose per 2-3 contro il Genoa, nella stracittadina di “Marassi”, per il resto sono stati tre ko di fila al cospetto di Juventus, Carpi e Napoli. I blucerchiati in queste apparizioni, hanno dimostrato comunque del carattere e della personalità per cercare di non soccombere dinnanzi agli avversari, ma tutto ciò non è stato sufficiente per smuovere una classifica deficitaria. Il presidente Ferrero, al termine della gara contro il Napoli, ha parlato di ingiustizie arbitrali nei confronti della sua squadra e della mancanza di fortuna, oltre che a ribadire con convinzione che la scelta di chiamare al capezzale blucerchiato, Montella, sia stata una decisione ben mirata che rifarebbe altre mille volte. Parlare solo di “dea bendata” che volta le spalle oppure di arbitraggi non all’altezza, appare alquanto riduttivo. I problemi che evidenzia la squadra sono molteplici, da una tenuta difensiva non impeccabile, ad un attacco che ha perso quella grinta famelica messa in mostra nelle prime giornate sotto la gestione Zenga. Il mercato di gennaio ha portato sotto l’ombra della “Lanterna”, Ricky Alvarez, vecchia conoscenza del calcio italiano, con la sua esperienza tra le fila dell’Inter e un passato amaro da cancellare, con quell’avventura disastrosa oltre Manica con la maglia del Sunderland. Le doti del centrocampista numero venticinque blucerchiato non si discutono ma non appare ancora pronto per affrontare i novanta minuti in campo. In difesa, per puntellare un reparto martoriato dai vari infortuni e defiance, è pronto Ranocchia, che lascerà l’Inter, per disputare sei mesi in prestito presso la corte di Montella e tentare di riconquistare anche la maglia azzurra in vista dei prossimi Europei nel mese di giugno. In uscita, i tifosi blucerchiati tremano e sperano che da qui a lunedì prossimo non debbano salutare con rammarico due pezzi pregiati della rosa, ovvero sia Soriano ed Eder, entrambi corteggiati da club italiani ed esteri. Per il centrocampista esterno è forte il pressing dell’Inter, che dopo la cessione di Guarin potrebbe tentare l’assalto per lui, mentre su Eder oltre all’interessamento da parte dei nerazzurri, nelle ultime ore sono giunte notizie anche dall’Inghilterra, è più precisamente dal Leicester di Ranieri, primo in classifica in Premier League, che sarebbe pronto ad una offerta cospicua per accaparrarsi le gesta dell’attaccante italo-brasiliano. In attesa che venga fatta chiarezza su ciò che accadrà in termini di calciomercato, la Sampdoria ha bisogno impellente di conquistare tre punti per dare una sterzata significativa ad una stagione che sta prendendo una piega inimmaginabile alla vigilia. Montella si affida al suo fido combattente Cassano per cercare di suonare la sveglia a tutto il popolo blucerchiato. Il prossimo impegno sarà al “Dall’Ara” di Bologna, contro i felsinei rossoblu, compagine in salute e in netta ripresa con Donadoni in panchina, specchio perfetto di quando i cambi in corsa portano i risultati sperati, cosa che a Genova, sponda blucerchiata, a oggi tarda ad arrivare.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009