Champions League: tutte in corsa le italiane (con riserva), Real Madrid ok senza CR7

Di , scritto il 28 Novembre 2013

Kakà-gol-CelticIl quinto turno dei gironi eliminatori di Champions League ha ribadito che, a volte, il mondo del calcio si può capovolgere e restare a testa in giù per novanta minuti. Molte le sorprese infilate in mezzo alle solite conferme, per mandare in corto circuito gli scommettitori, a conferma che il pallone non è poi sempre rotondo.

Partiamo dai confini di casa nostra: alla vigilia della due giorni europea per eccellenza, la proverbiale spada di Damocle pendeva minacciosa sul collo di Milan e Juventus, costrette a vincere per restare agganciate al treno più prestigioso. Il Napoli, seppur messo di fronte ai vice campioni in carica, scendeva in campo a Dortmund con la consapevolezza di poter contare su due risultati.

L’ostinazione di Benitez per il gioco offensivo a tutti i costi – a scapito di un centrocampo lasciato in mano a due soli uomini – ha portato però alla batosta più cocente di questa stagione. Il 3-1 che i tedeschi hanno rifilato ai partenopei è una semi condanna all’eliminazione; paradossalmente il Napoli potrebbe ritrovarsi con 12 punti e la magra consolazione di vedersi retrocesso in Europa League. La Juventus, al contrario, dopo il 3-1 rifilato al Copenaghen con la firma tripla di Vidal, si potrà permettere il lusso di pareggiare a Istanbul con la squadra di Mancini: 7 punti le basterebbero per accedere agli ottavi come seconda. Misteri europei nascosti tra le pieghe di complicati conti matematici (facile che De Laurentiis viaggi già con una calcolatrice nel taschino).

Il Milan è tornato da Glasgow con qualche certezza e alcuni sorrisi in più. Kakà brilla di luce propria (secondo gol consecutivo che fa riemergere nel popolo rossonero dolci ricordi datati 2007), Balotelli ha fatto pace con la rete su azione dopo 57 giorni, Abbiati si è ricordato come si fa un certo mestiere e la difesa ha ballato meno del solito. Vincere con tre gol di scarto su un campo tradizionalmente ostico per tutte le italiane (solo il Milan negli anni ’60 e la Juve lo scorso anno erano uscite trionfanti dal Celtic Park) certo non basta a dissipare ogni dubbio, così come la vittoria dell’Ajax sul Barcellona – altra sorpresona – complica un pò il cammino; ma è già un raggio di sole in mezzo a minacciosi cirrocumuli. Allegri potrebbe addirittura qualificarsi come primo del gruppo se i blaugrana dovessero perdere in casa, ipotesi fantasiosa, contro gli scozzesi.

Chi non stupisce più è il Real Madrid di Carlo Ancelotti, che strapazza il Galatasaray in Turchia con un uomo in meno e senza Cristiano Ronaldo, mica l’ultimo arrivato. Nel girone che conta tre allenatori italiani su quattro, non c’è storia: gli spagnoli sono una spanna sopra; Mancini non può fare altri miracoli con il materiale ereditato da Terim e, forse, la dimensione dell’Europa League potrà regalargli qualche soddisfazione in più. Molto rumore hanno fatto anche la roboante vittoria del Manchester United sul campo del Bayer Leverkusen e la deludente sconfitta del Chelsea contro il Basilea. Difficile immaginare Mourinho con il sorriso a trentadue denti.

RISULTATI E CLASSIFICHE DOPO IL 5° TURNO:

GIRONE A:

Bayer Leverkusen-Manchester United 0-5

Shakhtar Donetsk-Real Sociedad 4-0

Manchester U. 11, Shakhtar D. 8, Bayer L. 7, Real S. 1

GIRONE B:

Real Madrid-Galatasaray 4-1

Juventus-Copenaghen 3-1

Real M. 13, Juventus 6, Galatasaray 4, Copenaghen 4

GIRONE C:

Anderlecht-Benfica 2-3

Paris Saint Germain-Olympiakos 2-1

Paris S. 13, Olympiakos 7, Benfica 7, Anderlecht 1

GIRONE D:

Cska Mosca-Bayern Monaco 1-3

Manchester City-Victoria Plzen 4-2

Bayern M. 15, Manchester C. 12, Cska M. 3, Victoria P. 0

GIRONE E:

Steaua Bucarest-Schalke 04 0-0

Basilea-Chelsea 1-0

Chelsea 9, Basilea 8, Schalke 7, Steaua B. 3

GIRONE F:

Arsenal-Ol. Marsiglia 2-0

Borussia Dortmund-Napoli 3-1

Arsenal 12, Borussia D. 9, Napoli 9, Ol. Marsiglia 0

GIRONE G:

Zenit Sanpietroburgo-Atletico Madrid 1-1

Porto-Austria Vienna 1-1

Atletico M. 13, Zenit 6, Porto 5, Austria V. 2

GIRONE H:

Celtic Glasgow-Milan 0-3

Ajax-Barcellona 2-1

Barcellona 10, Milan 8, Ajax 7, Celtic 3



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009