Champions League: Ajax-super! Malore per Casillas. Analisi e commenti.

Di , scritto il 01 Maggio 2019

Crotone-Benevento è una delle tante sfide del sud del campionato è molto intensa. Le occasioni sono per i sanniti Letizia e Coda (due), Sampirisi per i calabresi, che al 35’ perdono la propulsione di Benali per doppia ammonizione in 4’, per falli su Ricci. Cordaz intercetta la punizione di Coda. Risolve l’angolo di Barberis e Simy calcia al volo di destro, è l’attaccante più in forma dell’ultima metà di girone di ritorno. Le streghe si fanno vive con Armenteros, il gol annullato a Coda e con Vokic. Firenze invece non va lontano dal raddoppio. (ilmattino.it)

Due partite per provare ad evitare una clamorosa beffa. Anche a Foggia, infatti, la Salernitana buca completamente la gara (3-1 il finale) e si fa risucchiare ulteriormente in zona playout. Tanto per cambiare bastano i primi minuti per mettere al tappeto i granata, prima il sinistro inaspettato di Deli al 16’ e poi il destro di Greco al 18’ ed ecco che il gong si fa subito sentire allo Zaccheria. Neanche la fatica mostrata sin dall’inizio dai rossoneri ed i mugugni del pubblico di casa tranquillizzano una Salernitana che poco dopo il quarto d’ora di gara va completamente nel pallone: prima Micai e Casasola “confezionano” il gol del vantaggio di Deli, poi dopo neppure 120 secondi Akpa Akpro commette fallo su Ranieri e per Greco è un gioco da ragazzi trasformare il calcio di rigore. E così neppure venti minuti e il 3-5-1-1 super abbottonato di Gregucci non serve più a nulla, solo al 42’ la Salernitana riesce a farsi viva in attacco con Mazzarani che ha una grande chance per rimettere tutto in discussione ma Leali si oppone e mette in angolo. Inizia la ripresa e il tecnico granata getta nella mischia Calaiò al posto di Casasola, con l’arciere che al 52’ prova subito a scagliare la freccia ma il suo colpo di testa sfiora l’incrocio dei pali. Il cambio tattico non basta, però, per rimettere completamente in ordine le cose, prima dell’occasione del neo entrato infatti il Foggia sfiora il 3-0 con Mazzeo che in contropiede inizialmente si vede respingere la conclusione da Micai e poi sulla respinta spara sul fondo. Eppure al 58’ la partita viene riaperta da Jallow che sfrutta l’assist di Odjer per battere Leali. Ma l’entusiasmo dura solamente pochi secondi, quelli che bastano al Foggia per riportarsi nell’area di rigore avversaria e segnare il gol del 3-1: assist di Deli dalla sinistra per Iemmello che di testa colpisce nuovamente la Salernitana che da questo momento in poi rimane tristemente stesa al tappeto fino al triplice fischio finale. (ilmattino.it)

Primo giorno di maggio di lavoro per Lorenzo Insigne ed i suoi nuovi agenti. Nella mattinata di oggi appuntamento importante del calciatore azzurro che ha incontrato con i procuratori il presidente del Napoli De Laurentiis, l’allenatore azzurro Carlo Ancelotti e il direttore sportivo Giuntoli. A casa di Carletto va di scena il primo appuntamento della saga di mercato che, però, sembra chiudersi subito. Secondo quanto riportato da Sky, infatti, la volontà di tutte le parti è quella di continuare insieme fino al 2022, così come previsto dal contratto del calciatore. Tra le volontà degli agenti di Insigne forse anche un possibile adeguamento di cui riparlare nei prossimi mesi. Dopo l’incontro avvenuto, il calciatore ha pranzato con i due procuratori Mino Raiola e il cugino Vincenzo che ha postato la foto dei tre sui social. (ilmattino.it)

Iker Casillas si è sentito male al termine dell’allenamento sostenuto oggi con il Porto. Il portiere avrebbe riportato – secondo A Bola – un infarto al miocardio e sarebbe stato curato in tempo​. Ricovero d’urgenza per il portiere spagnolo ex Real Madrid, capitano della Spagna campione del mondo nel 2010 e ora al Porto. Casillas è stato trasferito all’ospedale di Oporto, secondo quanto riportano diversi media portoghesi, ma sarebbe «fuori pericolo». L’infarto al miocardio è stato definito «acuto» dai medici di Oporto che precisano anche come ora tutto sia «risolto, il giocatore sta bene». Lo rende noto il suo club, il Porto, in un comunicato sul sito nel quale si precisa che il malore è avvenuto durante l’allenamento di questa mattina che è stato subito interrotto per prestare soccorso al 37enne portiere. Casillas è ricoverato all’Ospedale CUF di Oporto, «sta bene, è stabile e ha risolto il suo problema cardiaco». Il mondo del calcio ha subito mandato il suo messaggio. I colleghi di Casillas hanno pubblicato post di sostegno per il portiere. Tra questi anche quello di Francesco Totti: «Forza amico….nn mollare !!! Ti sono vicino». (ilmattino.it)

Decide una combinazione da biliardo. Tipica dell’Ajax che sta incantando la Champions League. Palla di Ziyech e gol di van Der Beek solo davanti al portiere del Tottenham. I lancieri di ten Hag battono il Tottenham per 1-0 e strappano mezzo biglietto per la finale di Madrid. Deciderà la gara di ritorno in programma tra una settimana ad Amsterdam. L’Ajax dei giovani terribili si aggiudica, dunque, in trasferta la sfida di andata della prima semifinale di Champions League con il Tottenham di Pochettino per 1-0, grazie al gol di Van De Beek al 15′ della prima frazione. Gli olandesi hanno dominato nella prima mezz’ora del match a livello tecnico e tattico con i londinesi annichiliti dalle trame e dalla velocità di esecuzione degli olandesi di Erik ten Hag, poi è salito il livello di gioco dei padroni di casa c’è stato ma non abbastanza da trovare almeno il pari, ma rischiando anzi di subire il raddoppio nel finale di gara. La dimostrazione lampante del gioco dell’Ajax è il gol arrivato al 15′ del primo tempo: lancio di Ziyech per Neres e palla che viene fatta filtrare per l’inserimento sul filo del fuorigioco di Van de Beek che da solo, dopo finta e controfinta batte Lloris, con il Var che conferma il gol. Gli ospiti sfiorano poi il raddoppio al 24′ con una bella azione in area inglese con Van de Beek che calcia in porta ma Lloris ribatte. Al 26′ prima occasione per gli Spurs, grazie alla linea difensiva altissima dell’Ajax sui calci di punizione: Llorente scatta bene, con due difensori che lo tengono in gioco, ma l’incornata è fuori.Poi il match perde il difensore del Tottenham Vertonghen. In seguito ad uno scontro aereo con Onana e Vanderwelden il difensore belga è costretto ad abbandonare la gara. Nonostante una profonda ferita sul volto, dopo un tentativo di rientrare, il difensore, con vomito e una chiara difficoltà di deambulazione, viene accompagnato a spalla negli spogliatoi. Le sue condizioni non destano comunque preoccupazione. Nel recupero di primo tempo il Tottenham sfiora in pari in due occasioni senza successo. Nella ripresa il Tottenham rientra più convinto ma rischia nuovamente su un errore con Rose che in spaccata evita la conclusione ravvicinata di Ziyech. Al 65′ lo stesso Rose arriva al cross, Lucas salta ma non può dare forza al suo colpo di testa e Onana blocca facilmente. Al 78′ occasione Ajax: gran lavoro di Mazraoui che regge l’urto fisico di Rose e serve Tadic, da questi, in area, per Neres, il cui diagonale finisce sul palo. Nel finale nonostante i cambi la musica non cambia con gli Spurs che saranno chiamati all’impresa in Olanda e con l’Ajax con un piede in finale di Champions. (ilmattino.it)

Il difensore degli Spurs si scontra con il portiere Onana e rischia lo svenimento durante Tottenham-Ajax di Champions League. Il Tottenham perde il difensore Jan Vertonghen e che paura. Il tutto sul finire del primo tempo della semifinale di andata di Champions League con l’Ajax che sta conducendo 1-0 grazie alla rete di Van De Beek al 15′. Al 31′ punizione in area per il Tottenham, uscita spericolata del portiere degli olandesi, Onana, e scontro a tre con Alderwereld e Vertonghen. I due difensori degli inglesi restano a terra con Vertonghen che sanguina. Entra lo staff medico per cercare di suturare un taglio profondo. Vertonghen si rialza, esce dal campo, cambia la maglia e rientra. Ma dopo poco l’arbitro Lahoz ferma il gioco, va a chiedere se Vertonghen è in grado di rientrare dopo il colpo alla testa, ricevute le garanzie, inizialmente fa ripartire il gioco ma Vertonghen si ferma, fa segno di no e a testa bassa, lascia il campo in visibile difficoltà. Il difensore belga viene accompagnato fuori a spalla, sarà sottoposto a tutti gli accertamenti del caso. Al suo posto entra Sisoko. Secondo quanto riportato da Sky non dovrebbe trattarsi di nulla di grave: frattura del setto nasale, ma si resta in attesa di conferme ufficiali. Rimane il grande spavento, specie nel vedere le immagini del calciatore, a terra, sanguinante, quasi privo di sensi.«Sono andato sulla palla, non posso rimproverarmi nulla. Sono il portiere, non posso farci niente. Non voglio commentare nulla», le parole di Onana a fine partita.

(ilmattino.it)



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009