A Napoli scoppia il caso Insigne

Di , scritto il 11 Agosto 2016

Insignedi Lorenzo Cristallo
Estate tutt’altro che tranquilla dalle parti di Napoli. Dopo la cessione di Higuain, che ha portato con sé strascichi polemici inevitabili, da parte dei tifosi nei confronti sia del calciatore che del presidente De Laurentiis, all’interno della banda di Sarri sta esplodendo un nuovo caso che va risolto il prima possibile per evitare scenari preoccupanti nell’immediato futuro. Lorenzo Insigne batte cassa e lo fa con l’intento di vedersi adeguato il suo ingaggio per diventare a tutti gli effetti il leader di questa squadra, rimasta orfana del “pipita”. Lo scugnizzo napoletano attualmente percepisce una somma di denaro che oscilla, in base ai bonus, da 1,7 a 1,8 mln di euro. Cifra che venne pattuita nel 2014, quando il contratto subì un rinnovo fino al 2019. Insigne nell’arco di questi anni ha dimostrato di meritarsi la casacca azzurra, le sue prestazioni sono andate in crescendo sino a disputare l’ultima stagione che per numeri e statistiche è stata sopra le righe. Nel campionato 2015/2016 ha totalizzato 37 presenze mettendo a segno 12 goal, molti dei quali di elevata fattura, come quello realizzato nel gennaio scorso al “San Paolo” contro il Torino, in un capolavoro balistico di pregevole fattura, oppure la punizione impeccabile rifilata a Skorupski in occasione del match interno con l’Empoli. Anche in Europa League si è reso protagonista siglando una rete in cinque presenze. Numeri che lo hanno incoronato a punto di riferimento nell’undici titolare di Maurizio Sarri, anche se, molto spesso, il gioiello partenopeo non ha digerito le tante sostituzioni subite, con quel cambio con Mertens che è diventato il leit-motiv della precedente stagione partenopea. Adesso ,però, il ragazzo è cresciuto, lo scugnizzo si è fatto uomo e per diventare leader e personaggio copertina di questo Napoli, esige un ritocco al suo ingaggio. Queste pretese provengono, anche dopo, aver visto prolungare il contratto ad Hamsik, Callejon e prossimamente ad Hysaj. Gli agenti di Insigne si sono già messi all’opera per intavolare un discorso con i vertici del club azzurro, anche se , il presidente De Laurentiis non sembra voglia esaudire i desideri dell’entourage di Insigne, invitando il calciatore e i suoi procuratori a farsi un bagno al mare, per schiarirsi le idee e togliersi dalla mente alcuni “grilli”. Il numero ventiquattro azzurro appare insofferente, vorrebbe restare nella sua amata Napoli ma con un contratto da star. Per adesso le parti sono distanti e il numero uno della società azzurra non ha nessuna intenzione di trattare un adeguamento di contratto. I prossimi giorni saranno decisivi per comprendere l’evoluzione di questo “mal di pancia” ed osservare se il braccio di ferro tra Insigne e il presidente De Laurentiis prosegua imperterrito oppure tenderà ad affievolirsi. Di certo a Napoli, in questo periodo, i casi spinosi sono alquanto all’ordine del giorno.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009