Il sacrificio encomiabile di Rocco Siffredi: voto di castità a favore della Nazionale

Di , scritto il 12 Giugno 2014

rocco tieni duroGli azzurri ce la possono fare. Sì, possiamo vincere, riaccendere le speranze che in Sudafrica erano tristemente naufragate e bissare la strepitosa vittoria degli azzurri in Germania nel 2006, riportando gli Azzurri tra le superpotenze calcistiche. Vincere in casa dei maestri del futebol sarebbe poi una soddisfazione doppia.

Sarà un mese di passione e passioni sfegatate, per un bel po’ di tempo salteranno le abitudini quotidiane, anche per via del fuso orario che ci obbligherà a rinunciare a molte ore di sonno. E si sa che gli italiani, per aiutare la fortuna, amano molto i riti scaramantici. E c’è anche chi fa “fioretti”, come Rocco Siffredi, che ha promesso di non fare sesso durante tutto il periodo in cui la Nazionale sarà in Brasile: un voto di castità ufficiale, ormai noto a tutti come il sacrificio di Rocco, volto a favorire la vittoria dell’Italia.

Lo slogan è “vado in bianco per gli Azzurri”. Una presa di posizione abbastanza in controtendenza con la decisione senza precedenti di Prandelli, di permettere che le wags (mogli e fidanzate dei calciatori, con figli al seguito) li accompagnino nella trasferta e vivano con loro nel ritiro. Col risultato di portare alle stelle l’umore dei calciatori, al punto che Mario Balotelli ha appena chiesto a Fanny Neguesha di sposarlo e Gigi Buffon si è fidanzato ufficialmente con Ilaria D’Amico. La pensa diversamente il CT della nazionale messicana, che ha del tutto bandito le donne dal suo mondiale, dicendo che si tratta di “una competizione, non di una festa”. Ma tant’è.

L’iniziativa di Rocco Siffredi piace molto alla galassia web, con i navigatori che gli stanno vicino con tweet e post contrassegnati dagli hashtag #roccotieniduro e #Loveville14. Quest’ultimo tag è collegato al supporto dato ufficialmente dall’azienda Durex, che offre i suoi canali ufficiali al pubblico per monitorare la situazione, lo stato fisico e mentale di Rocco in questo periodo sicuramente non facile per lui.

Vi invitiamo a stargli vicino per sdrammatizzare la situazione e incoraggiarlo! Per la precisione, Loveville 2014 è il nome di una competizione che nulla ha a che fare con la castità, ma che sfida gli italiani più “agonistici” in camera da letto, per eleggere la città in cui si fa di più l’amore, con una classifica continuamente aggiornata. Ecco i video dell’iniziativa:


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009