La Spagna è la regina dei Mondiali 2010 in SudAfrica

Di , scritto il 12 Luglio 2010

La finalissima tra Spagna e Olanda ha decretato la squadra campione del mondo dei Mondiali di Calcio 2010 è la Spagna, che porta l’oro a casa dopo aver concquistato due anni fa gli europei. L’Olanda è sconfitta grazie ad un gol di Andres Iniesta che ai supplementari riesce a insaccare la palla in rete e superare la resistenza olandese.

Dopo il gol che vale il mondiale, Iniesta si toglie la maglietta e sotto ve ne era un’altra con la scritta “Dani Jarque siempre con nos otros”, ossia “Dani Jarque sempre con noi”. La dedica va appunto al giocatore dell’Espanyol morto prematuramente per una asistolia l’otto agosto del 2009, mentre era in ritiro a Coverciano. Un pensiero nobile verso un amico che non c’è più.

E la festa esplode letteralmente in Spagna, dove tutti sono scesi nelle strade per festeggiare il primo titolo mondiale. La movida spagnola si da alla pazza gioia e per molti giorni vedremo ancora titoloni sui giornali e gente festeggiare per strada.


3 commenti su “La Spagna è la regina dei Mondiali 2010 in SudAfrica”
  1. Rete calcio - blog ha detto:

    Vittoria meritatissima, secondo me. Il frutto di una scuola calcistica e di una tradizione, un modo di giocare al pallone.
    COmplimenti.

  2. csfo ha detto:

    informiamo che sono aperte le iscrizioni al prossimo corso per procuratori sportivi (agenti FIFA)
    fino al 31 luglio è possibile usufruire di un particolare sconto.
    esiste la possibilità inoltre di seguire il corso anche a distanza tramite video conferenza.
    scrivici o chiamaci per info:info@csfo.it tel.049-9101545

  3. La Spagna è la regina dei Mondiali 2010 in SudAfrica ha detto:

    […] Leggi tutto […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009