Napoli: le parole di De Laurentiis. Analisi e commenti.

Di , scritto il 24 Maggio 2019

Presente e futuro di Mauricio Pochettino significano Tottenham: è stato lo stesso tecnico argentino ad escludere la sua partenza da Londra. Il nome del manager degli Spurs è stato accostato a diversi club europei, tra i quali la Juventus. Ma a una settimana dalla finale di Champions League, che il Tottenham disputerà a Madrid contro il Liverpool, Pochettino ha fatto chiarezza sul suo futuro. “Oggi il Tottenham per me è il miglior club del mondo quando si parla di infrastrutture – le parole di Pochettino – Sia il centro sportivo che lo stadio. E poi Londra, la più bella città d’Europa. E la Premier League, il campionato più difficile ed emozionante. Dobbiamo continuare su questa strada, passo dopo passo, perché il Tottenham entri nell’élite dei migliori club al mondo. C’è ancora molto da fare, ma sono motivato a restare al Tottenham, perché questo club ottenga ciò che merita”. (raisport)

“Mi auguro che ci sia l’atmosfera che De Rossi merita, che sia una festa per tutto quello che ha dato alla Roma e per il modo in cui l’ha dato. Giocherà dal primo minuto, con la fascia da capitano”. Così il tecnico Claudio Ranieri, a proposito dell’ultima partita in giallorosso del centrocampista.”Merita la standing ovation di tutto l’Olimpico. De Rossi trasmette nel gioco la passione per maglia che indossa, dalla Roma alla Nazionale – ha aggiunto – Questo non vuol dire che gioca sempre bene, però dà sempre il 100%”.”Io mi sono sempre sentito un allenatore europeo, dove ci sarà un progetto che mi intriga io vado”.Claudio Ranieri guarda così al suo futuro da allenatore: domenica con il Parma lascerà la Roma senza “rammarico, posso augurare solo il meglio a chi verrà dopo”.”Noi fino in fondo dobbiamo dare il massimo perché siamo professionisti e giochiamo per il gusto, per il divertimento, per la passione non per i soldi – ha sottolineato il tecnico giallorosso – Ogni volta che guido questa squadra mi emoziono sempre, lascerò la Roma con il cuore aperto sperando di vederla sempre in alto”.”Credo che il gruppo sia valido, ben miscelato, con gli anziani ed i giovani giusti, anche se qualcuno ha reso meno di quello che ci si aspettava. Schick lo considero un grande giocatore, mi piacerebbe che restasse per dimostrare quanto vale. Alcuni sono maturi a 19 anni, altri hanno bisogno di più tempo. Nella prossima stagione non si riparte da zero, anche se la classifica finale di questa è deficitaria”. (raisport)

Marcello Lippi e’ stato nominato per la seconda volta commissario tecnico della nazionale di calcio cinese, in vista delle qualificazioni ai prossimi mondiali di calcio in Qatar del 2022. Lo ha annunciato sul suo sito web la federazione del gigante asiatico (Cfa). “Quando Lippi e’ stato ct della nazionale”, scrive la Cfa, la squadra ha mostrato “spirito positivo e una mentalita’ tenace nel gioco”. Il suo ritorno sulla panchina della Cina avra’ “un grande impatto sul sogno di partecipare ai mondiali”. Alla guida della nazionale in maglia rossa, il 71enne tecnico toscano ha ottenuto tre vittorie, due pareggi e una sconfitta nel girone di qualificazione asiatico agli scorsi Mondiali, senza riuscire a guadagnare l’accesso alla fase finale, in Russia.Il ct campione del mondo con gli azzurri nel 2006 era stato nominato per la prima volta ct della nazionale cinese nell’ottobre 2016 e si era dimesso a gennaio scorso, dopo la sconfitta per 3-0 contro l’Iran ai quarti di finale di Coppa d’Asia.Alla guida della nazionale era temporaneamente arrivato Fabio Cannavaro, allenatore del Guangzhou Evergrande, la piu’ blasonata squadra del campionato cinese, e Lippi era rimasto come suo consigliere.Cannavaro aveva comunicato il mese scorso la sua decisione di lasciare la panchina per stare piu’ vicino alla famiglia. (raisport)

Nel corso di Kiss Kiss Napoli è intervenuto il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, nel giorno del suo 70esimo compleanno: “70 anni con l’augurio dello Scudetto? Ringrazio i tifosi per gli auguri. Vincere uno scudetto sarebbe un’unica e fortissima emozione, una festa veramente straordinaria, però gli voglio dire che la mia festa nella napoletanità l’ho vissuta con i miei genitori, i miei zii ed i miei nonni. Ce la siamo portata dietro sempre e mi hanno lasciato indelebile l’immagine di una cultura unica al mondo. Dovremo coronare ancora di più quello che stiamo facendo, col massimo del massimo che è lo Scudetto, ma anche la Champions non sarebbe male (ride, ndr)”. 24 maggio l’anno prossimo c’è l’ultima di campionato? Compleanno e Scudetto? “Bisogna farei dei calcoli però perché chiederò di giocare fuori casa la prima per dare modo di completare i lavori perché ci saranno interventi anche agli spogliatoi della squadra. Ieri abbiamo fatto un sopralluogo, il costruttore mi ha chiesto se si potevano fare due fuori, ma già sarà difficile farne una fuori”. Oggi è il compleanno di De Paul, ti è più simpatico? “Anche Ancelotti è un gemelli, è nato il 10 giugno”. Quagliarella sarebbe un ritorno romantico? “Sì, ma anche l’ultimo campionato è tutto quagliarellesco. Il campionato della Samp ha più valore per lui che per il club stesso, senza togliere nulla all’amico Ferrero”. Uno l’avete già comprato? “No, si fa presto a comprare. Il problema è non ingolfarsi, abbiamo 37 giocatori e dobbiamo verificare dove far andare altri. Noi sappiamo come e dove muoverci per ogni tassella. Abbiamo 6-8-10 scelte per ogni ruolo, non mi creo problemi”. Le castagne ti piacciono? “Soprattutto quelle che sanno stare a tavola a destra e sinistra e non ti danno problemi di sedute (Castagne dell’Atalanta gioca su entrambe le corsie, ndr)”. La ‘Trippier’ ti piace? “Sì, c’è quella napoletana che a differenza delle altre è rigorosamente bianca, senza pomodoro. Quella londinese? Dobbiamo pensarci su quella. In altre posizioni preferisco dei giovani. Si dice ADL preferisce solo i giovani, poi ora si dice si opta per i più adulti, ma dipende dai ruoli. In alcuni ruoli voglio gente giovane, in altri come quello di marcatore si può avere anche una certa età ed una certa esperienza, non farsi bloccare psicologicamente dalle paure dell’ambiente. Noi abbiamo un attacco formidabile, con un terzo dei pali concretizzati chissà che avremmo combinato… si fa presto a dire non sono capaci, forse serve qualcuno lì in mezzo che abbia una certa esperienza. Al di là di Quagliarella che ha un posto d’onore che si merita, da capire con l’allenatore poi perché è lui quello che ha voce in capitolo ed è quello che ha la responsabilità della rosa. Per questo amo gli allenatori che si prendono la responsabilità anche di suggerire e di suggestioni. Se Ancelotti mi dicesse che non saprebbe come massimizzarne l’utilizzo, allora… ma non credo. Dipende solo da Quagliarella che per l’età che ha sarebbe felice di fare qualche partita e non tutte. Anzi direbbe così invece di un anno ne duro anche due o tre”. Le castagne vanno cotte nel Fornals? Vino De Rossi? “Che divertenti, i napoletani. De Rossi mi piace, ma ha problemi fisici e credo diventerà un bravissimo allenatore. Io piuttosto di giocare in Usa, inizierei a fare allenatore, poi magari c’è la Cina che ti ricopre d’oro. Le castagne nel Fornals, ma a Giuntoli gli restano un po’ sotto-guancia. Lozano di maiale? Ci starebbe bene se non fosse alimentato con le ghiande minoesche (Mino Raiola è l’agente, ndr)”. Insigne a Napoli e Ancelotti il tuo condottiere? “Hanno scritto cose improprie su Ancelotti (idea di recedere il contratto nei mesi scorsi, ndr). Un giornale di Napoli, abbastanza importante, che ogni volta rischia la credibilità perché dice cose totalmente inesatte. Si sono messi in testa che io dovessi rinnovare il contratto, ma è un triennale ed il Napoli come abitudine inserisce sempre la possibilità di recedere con una penale per un qualsiasi motivo che non vedo esistente vista la persona Ancelotti, che ho sempre amato ed avuto conferma da quando l’ho preso”. Un film come ‘un pesce di nome Wanda’? “Era un film comico assoluto, ma si sposava molto con lo stile inglese, meno quello italiano”. Sarri meglio con lo stile inglese o juventino? “Dipende da lui, quando uno esce da casa nostra non posso che augurargli successo. Tiferò per la sua squadra a Baku e se dovesse vincere sarei felicissimo, se lo sarebbe meritato. Poi se viene alla Juve sarebbe divertentissimo”. (tuttonapoli.net)

Marco Giordano, conduttore di ‘Un Calcio Alla Radio’ su Radio CRC, ha fatto il punto della situazione sulla questione Trippier: “Che l’interesse del Napoli su Trippier, ci sia, non è un segreto, tanto meno che le decisioni saranno rinviate dopo la finale di Champions League. Il giocatore ha espresso un gradimento per il Napoli e con l’entourage ha trovato anche un accordo con gli azzurri. Trippier non ha più la Stellar come agenzia, ha cambiato gruppo di procuratori ed è con quest’ultimi che si sta trattando il terzino. Bisogna prima vendere, se il Napoli non vende Hysaj allora Trippier è difficile che arrivi, perché in questo momento il suo ruolo è già occupato, L’Atletico Madrid, che sta vendendo Farias e Vrsaljko e che quindi ha il ruolo libero, ha offerto 25 milioni di euro, la cifra richiesta dal Tottenham”.(tuttonapoli.net)

Dopo tre giorni di riposo il Napoli e’ tornato a lavorare in vista della sfida di sabato sera in casa del Bologna. Carlo Ancelotti dovra’ fare a meno di due pedine fondamentali al Dall’Ara. Koulibaly e Allan sono stati squalificati dal giudice sportivo per un turno per l’ammonizione rimediata contro l’Inter. In difesa vorrebbe esserci di nuovo Luperto al fianco di Albiol ma c’e’ pure Maksimovic che si e’ ripreso dall’infortunio. A centrocampo non ci saranno sorprese. Zielinski sara’ in tandem con Fabian Ruiz lasciando libera cosi’ la corsia sinistra, dove si giocano un posto da titolare Younes e Verdi. Quest’ultimo potrebbe essere avvantaggiato visto che torna in casa della sua ex squadra e non gioca da parecchio. A destra c’e’ Callejon anche perche’ anche oggi Ounas ha svolto differenziato. In attacco si dovrebbe cambiare. Insigne, rientrato nella ripresa con l’Inter, sta bene e vorrebbe chiudere lui la stagione da capitano titolare. Potrebbe anche rivedersi la coppia con Mertens. Oggi rifinitura e partenza per Bologna.

(telecaprisport)


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009