Shevchenko: un altro figliol prodigo del calcio italiano?

Di , scritto il 29 Maggio 2007

ShevchenkoUno dei più famosi ritorni – se pur breve – in casa Milan resterà quello di Ruud Gullit, che a metà degli anni 90 si rese protagonista di un doppio canto del cigno, attratto prima dalle sirene blucerchiate firmate Paolo Mantovani, poi dal richiamo del suo sangue rossonero, per poi ritrovarsi di nuovo a Genova secondo una scelta che lui stesso definì “quella della ragione”.

Oggi la storia potrebbe ripetersi sotto le sembianze malinconiche di un Andriy Shevchenko mai ambientatosi a Londra e desideroso (pare) di rivestire la maglia con cui ha vinto tutto.

E’ l’ucraino che si offre al Milan, senza giri di parole: Berlusconi lo riprenderebbe subito, Galliani è dubbioso e parla di trattativa complicata.
E i tifosi?
Dagli umori della curva Sud sembra trasparire un generale ottimismo, ma davvero non c’è nessuno tra i fans rossoneri – neo campioni d’Europa – che non ha perdonato il tradimento del vecchio idolo?


2 commenti su “Shevchenko: un altro figliol prodigo del calcio italiano?”
  1. Guido ha detto:

    Chi odia shevchenko per quello che a fatto deve odiare anche se stesso perchè lui ci ha fatto vincere molto

  2. Guido ha detto:

    sheva resterà sempre nel cuore di tutti specialmente nel mio W SHEVCHENKO


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloPallone.it – il blog sul mondo del calcio supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009